Diego Giovinazzo

Diego Giovinazzo

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Incapacità di proporre interventi efficaci sull'economia reale, le PMI e il mondo delle professioni: Confimpresa concorda con Luigi Gentili.

Il contesto. L'economia oggi corre velocissima, e la politica non riesce a stargli dietro. I sistemi economici evolvono rapidamente e con la globalizzazione diventano sempre più decisivi nelle scelte di governo, mentre la politica, ferma su idee e forme organizzative superate, non riesce ad adattarsi al cambiamento. Di fronte a questo scenario, emerge quello che il sociologo Luigi Gentili chiama lo "shock politico", ovvero l'incapacità di prendere decisioni da parte delle elite dirigenti, bloccate nell'incapacità di superare un'empasse socio-economica senza precedenti.

Il problema. Per tornare a decidere, e superare la situazione di stallo esistente, è necessario per Gentili ridefinire la struttura organizzativa dei gruppi politici, in modo che possano essere superati due delle difficoltà oggi più diffuse: il disinteresse e la perdita di fiducia verso la politica, da parte della società civile, e l'incapacità di proporre interventi efficaci sull'economia reale, le PMI e il mondo delle professioni. 

L'analisi. Lo "shock politico" ha due conseguenze fondamentali: l'astensionismo politico, o, in alternativa, l'abbandono verso nuove forme di populismo mediatico; la distruzione e l'espatrio di imprese e professionisti che non trovano risposte concrete alla loro impossibilità di creare ricchezza.

La proposta. Le soluzioni sono due, tra loro integrate e convergenti: consolidare la nascita del partito-rete, già in corso in numerose organizzazioni appartenenti a diversi schieramenti politici, in modo da recuperare i legami con la società civile; sostenere l'economia reale, attraverso interventi mirati per le imprese che dimostrano di avere un potenziale.

Gli interventi. Al livello pratico, le proposte del libro "Lo shock politico" vanno in due direzioni: investire nell'iper-partito e nelle aree sistema. Occorre innanzitutto sostenere l'iper-partito, ovvero un partito adhocratico che si lega, orizzontalmente, alle molteplici organizzazioni della società civile: club, comitati, think tank, associazioni di opinione e di rappresentanza, organismi culturali e solidaristici; occorre poi incentivare lo sviluppo delle aree-sistema, ovvero delle localizzazioni territoriali produttive, legate al Made in Italy, dove reti di PMI cooperano insieme per ottenere un risultato comune.


 

L'Agenzia delle Entrate ha reso noto che nelle prossime settimane saranno rimborsati i crediti Iva spettanti a oltre 4.300 imprese, per un importo complessivo di circa 1,2 miliardi di euro. Il via libera ai rimborsi viene dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Con questa nuova iniezione di liquidità, la somma complessiva rimborsata in questi primi mesi del 2013 a imprese, artigiani e professionisti arriverà a ben 2,5 miliardi di euro.

"Certamente, l'impegno che si sono assenti con questo annuncio, - commenta Diego Giovinazzo, segretario generale di CONFIMPRESA -se troverà effettiva operatività nei tempi previsti è un poco di ossigeno che viene dato al sistema economico. Resta inalterato il giudizio della Confederazione che ritiene i tempi di pagamento dei crediti Iva sempre troppo lunghi".

Abbiamo ricevuto questo appello e deciso di pubblicarlo. CONFIMPRESA vuole essere vicina al sig. Andrea Mazzalai come, da sempre, sta a fianco di imprenditori. La crisi è veramente grave ed il timore della Confederazione è che nulla di concreto si stia facendo per poterne uscire.

--------------

 

Buongiorno!
Premetto che la presentazione è necessaria non per una fiera della vanità ma per comprendere chi sono e a che titolo parlo.
Mi chiamo Andrea Mazzalai e sono l'autore di uno dei blog di finanza ed economia più letti in Italia, uno dei pochissimi ad aver compreso i meccanismi di questa crisi ancora nel 2005  e ad averla condivisa nel mio blog http://icebergfinanza.finanza.com/ , esperienza che mi permette di avere una visione privilegiata sulle dinamiche di una crisi che purtroppo come la storia e l'analisi empirica suggeriscono, può durare per altri anni ancora. Oltre 9 milioni di contatti in questi anni e 5000 al giorno con un picco di 38.000. Questo è quanto dicono di noi il Sole 24 Ore e altre testate giornalistiche.
Vi scrivo perchè la scorsa settimana ho avviato una petizione sull'onda dell'urlo di disperazione di amici e parenti ma anche di tanti lettori che vivono questa piccola e grande tragedia quotidiana.
Le recenti "aperture" della commissione europea e del consiglio dei ministri non sono sufficienti e arriveranno come sempre in ritardo anche perchè molto probabilmente nella seconda parte dell'anno la crisi europea subirà una nuova accelerazione.
Serve ossigeno ADESSO, ORA e SUBITO alle PMI e solo attraverso una pressione sulla BCE come prestatore di ultima istanza in riferimento ai crediti nei confronti della PA, perchè le banche non apriranno mai i rubinetti del credito in queste condizioni macroeconomiche. Serve un'iniezione diretta come specificato nel mio appello http://icebergfinanza.finanza.com/2013/03/12/fate-presto-salviamo-la-piccola-e-media-impresa/ e soprattutto nella petizione http://icebergfinanza.finanza.com/2013/03/12/fate-presto-salviamo-la-piccola-e-media-impresa/
Premetto che due trasmissioni Rai sono interessate a seguire la petizione e nel caso io non interverrò in alcuna maniera perchè non ho bisogno e non voglio pubblicità, ma saranno i protagonisti di questa tragedia ad avere voce, serve pressione dal basso, uno tsunami che riscuota l'attenzione generale attraverso la rete che poi coinvolgerà tutti i blogger d'Europa e le varie categorie.
 
Amici e parenti e lettori mi hanno chiesto di richiedere anche il Vostro aiuto e la Vostra collaborazione, serve unità, senza la PMI e la FAMIGLIA, CULTURA SCUOLA RICERCA e INNOVAZIONE questo Paese non ha futuro e morirà lentamemente ed inesorabilmente nonostante l'eroica resistenza delle imprese più innovative e virtuose e soprattutto l'esperienza della crisi nordica degli anni novanta insegna che le banche fallite devono essere nazionalizzate, azzerati azionisti e in parte obbligazionisti e preservato il credito e il risparmio, sostenibile non quello speculativo.
 
Abbiamo bisogno anche del Vostro appoggio, io personalmente non mi arrenderò sino all'ultima risorsa disponibile!
 
Grazie dell'attenzione e della visibilieà e del contributo che vorrete dare a questa iniziativa! Un caro saluto Andrea

E’ stato approvato in Commissione consultiva permanente il documento indicante i «Criteri di qualificazione della figura del formatore per la salute e sicurezza sul lavoro», ai sensi dell’art. 6, comma 8, lett. m-bis) del D.Lgs. n° 81/2008 e s.m.i..
Il prerequisito e i criteri individuati rappresentano il livello base richiesto per la figura del formatore-docente in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
Per ricoprire il ruolo di formatore-docente il prerequisito minimo di base è il possesso del Diploma di scuola secondaria superiore, e il rispetto di 3 elementi fondamentali: conoscenza, esperienza e capacità didattica.

Ciascun criterio e strutturato per garantire la contemporanea presenza dei tre elementi minimi fondamentali che devono essere posseduti da un docente-formatore in materia di salute e sicurezza sul lavoro

I criteri previsti nel documento non riguardano la qualificazione della figura del formatore-docente in relazione ai corsi specifici per Coordinatori per la progettazione e per l'esecuzione dei lavori (articolo 98 del Decreto Legislativo n. 8112008 e s.m.i.), per RSPP/ASPP (articolo 32 dello stesso decreto) e/o ad altre specifiche figure.

VEDI DECRETO

Mercoledì, 13 Marzo 2013 17:42

Formazione Sicurezza (81/2008).

Roma, 13 marzo 2013 .

Illustrato da Vittorio Terracciano e da Luigi Calabrese, prende avvio il nuovo sistema operativo per l'erogazione della formazione on line ed in aula del sistema CONFIMPRESA. La validazione dei percorsi formativi, l'accreditamento dei docenti e la certificazione dell'ente ISVACECOP costituiscono i pilastri sui quali si inserisce il sistema "FORMAZIONE CONFIMPRESA" : tutto è tracciabile, verificabile e certificato. L'accesso alla piattaforma è affidato alle sedi presenti su tutto il territorio nazionale, ed i requisiti del sistema sono verificabili dagli enti preposti alla vigilanza.

I materiali disponibili per la formazione sono redatti e gestiti da Edizioni Kiker e, come assicurato Paolo Maglioli, aggiornati tempestivamente ad ogni nuova previsione di legge e della buona prassi.

L'iniziativa ha ribadito il contributo di CONFIMPRESA ai costi di formazione dei lavoratori che devono sostenere tutte le aziende, ed ha confermato la messa a disposizione di 4 ore GRATUITE per ogni lavoratore. 

Le donne di Confimpresa, proprio l'8 marzo, avviano il potenziamento del Coordinamento Impresa Donna (CID) e si prefiggono di rappresentare l'imprenditoria diffusa su tutto il territorio nazionale.

Un 8 marzo che Confimpresa vuole dedicare a tutte le donne ed alle imprenditrici in particolare, e lo fa nella convinzione che l’imprenditoria al femminile rappresenti una parte fondamentale del tessuto economico nazionale, soprattutto in un periodo di crisi ed nell'ottica di rilancio delle PMI.
Nel contesto attuale proprio le donne, dimostrando ampie capacità nel portare miglioramenti, grazie alle idee ed alla freschezza di cui sono capaci, specialmente in un settore così importante, che da troppo tempo non conosce significative evoluzioni positive, possono essere determinanti per il rilancio dell'economia ed il superamento dei “differenziali” economici e sociale italiani.
“Vogliamo portare un contributo concreto alle iniziative di Confimpresa – ha dichiarato Claudia Centofanti, coordinatrice nazionale del CID Confimpresa – e vogliamo far emergere tutte le potenzialità che l'ottica femminile può riversare nelle politiche associative, e lo vogliamo fare anche con il potenziamento del Coordinamento Impresa Donna su tutto il territorio nazionale”.
Un segnale concreto è la nascita del gruppo CID, appartenente a Confimpresa Catanzaro.
Il gruppo, già al lavoro da qualche settimana, vedrà la sua ufficiale costituzione proprio l'8 marzo, data intesa come un importante segnale che le imprenditrici catanzaresi vogliono dare per il rilancio dell’economia locale, senza tralasciare, appunto, quella al femminile, ricca di contenuti importanti a vantaggio della città e della provincia di Catanzaro.
Durante l’assemblea elettiva per la costituzione della Confimpresa Donna, coordinamento provinciale di Catanzaro, è stata proclamata, all’unanimità, Elena Bitonte Presidente, Maria De Stefano quale Vice Presidente, ed il consiglio direttivo composto da: Nenzi Donato, Alessandra Principe, Rosy Crudo, Serafina (Sara) Leone.

 

Martedì, 12 Febbraio 2013 17:24

RILASCIO CODICI FORMAZIONE GRATUITA

CHIEDI I CODICI DI ACCESSO

PER LA FORMAZIONE GRATUITA

OFFERTA DA CONFIMPRESA

e per gli altri corsi FAD disponibili sulla piattaforma

 

Rif. territoriale

Responsabile

e-mail

telefono

Campania

Vittorio Terracciano

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0823 1763903

Calabria

Luigi Calabrese

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0984 1800921

Romagna

Massimo Cucchi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0544 1930734

Emilia Centrale

Antonio Galasso

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

051 370164

Emilia Nord

Elisa Colombini

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

059 5961536

Sicilia Ovest

Nino Guzzardi

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

091 7791357

Lombardia

Lorenzo Capone

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

02 39304817

Molise

Luigi Zappone

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0874 66821

Umbria

Alessandro Lepori

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0744 1924101

Liguria

Claudia Centofanti

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0187 1857810

 

Martedì, 05 Febbraio 2013 16:56

Uno stato di polizia tributaria

Berlusconi: con Monti uno stato di polizia tributaria

5 genn – “Con i blitz durante il governo Monti siamo entrati in un’atmosfera da Stato di polizia tributaria, con una violenza inaccettabile ad esempio da parte di Equitalia”. Lo ha detto Silvio Berlusconi in videochat sul Corriere.it.

“C’e’ modo e modo di applicare le leggi – ha aggiunto – ci devono essere modi per intervenire che non portino pero’, ad esempio, al fallimento dell’azienda”. agi

Mercoledì, 16 Gennaio 2013 16:27

CONFIMPRESA SICUREZZA: Formazione dei formatori.

CORSO PER FORMATORE IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO
Riferimento normativo D.Lgs 81/08, Art. 6, comma 8, lettera m-bis - criteri di qualificazione della figura del formatore per la sicurezza sul lavoro (in attesa di definizione finale da parte della Commissione Consultiva).
Destinatari del corso Tecnici, formatori e Consulenti alla sicurezza, addetti e responsabili del servizio di prevenzione e protezione e tutti coloro i quali avendo già nozioni tecniche relative alla sicurezza sul lavoro intendono operare nel campo della formazione aziendale.
In questo corso verranno fornite le necessarie conoscenze normative e tecniche relative alla sicurezza sul lavoro e sono presentati i metodi e i principali strumenti indispensabili a tutti i formatori per migliorare le
capacità di comunicazione e relazione, consentendo loro di sviluppare un’articolata competenza operativa nelle attività di formazione aziendale.
L’efficacia della formazione dipende da numerosi fattori, primo tra tutti la capacità di comunicare e di ascoltare nel rispetto completo di chi abbiamo davanti.

I partecipanti a questo corso dovranno acquisire tutte le conoscenze teoriche relative alla sicurezza sul lavoro, in modo da essere in grado di progettare e di erogare percorsi formativi inerenti alla salute ed alla sicurezza in ogni contesto produttivo.

Venerdì, 11 Gennaio 2013 08:48

Pec rinviata a giugno

Prorogata la scadenza per la comunicazione dell’indirizzo di posta elettronica certificata all’ufficio del Registro delle imprese.

Le organizzazioni avranno a disposizione più tempo per adottare la posta elettronica certificata (Pec). Infatti, le imprese individuali attive e non soggette a procedura concorsuale sono tenute a depositare, presso l'ufficio del Registro delle imprese, il proprio indirizzo di posta elettronica certificata entro il 30 giugno 2013. Nel caso l'ufficio del registro delle imprese riceva una domanda di iscrizione che non ha indirizzo di posta elettronica certificata, anziché sanzionare l'impresa, com'è previsto attualmente, sospenderà la domanda fino a integrazione della stessa con l'indirizzo di posta elettronica certificata e comunque per 45 giorni; trascorso tale periodo, la domanda si intende non presentata. È una delle previsioni contenute nel dl 179 del 2012, il decreto Crescita 2.0, la cui legge di conversione n. 221/2012 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 294 del 18 dicembre.

Sempre in tema di Pec, l'accesso all'Ini-Pec (Indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata) delle imprese e dei professionisti, tenuto dal Ministero per lo Sviluppo Economico sarà consentito non solo a Pa, professionisti e imprese, ma anche ai gestori o esercenti di pubblici servizi e a tutti i cittadini tramite sito web e senza necessità di autenticazione. E ancora, da sottolineare la norma secondo cui chiunque venda prodotti e presti servizi, anche professionali, dovrà obbligatoriamente dotarsi di strumenti elettronici di pagamento.

Inoltre, i pagamenti elettronici, per esempio per l'acquisto di ticket per i mezzi pubblici, potranno essere effettuati tramite tablet e smartphone. E anche le pubbliche amministrazioni saranno obbligate ad accettare pagamenti in formato elettronico e dovranno pubblicare sui loro siti internet i rispettivi codici Iban. Ancora, dal 1° gennaio 2013 le amministrazioni pubbliche e i gestori o esercenti di pubblici servizi potranno comunicare con il cittadino esclusivamente tramite il domicilio digitale dallo stesso dichiarato e senza oneri di spedizione a suo carico.

Venerdì, 07 Dicembre 2012 09:23

SICUREZZA LAVORO E FORMAZIONE

Roma 05 dicembre 2012 . L'intervento di CONFIMPRESA, fatto dal segretario generale Diego Giovinazzo, alla giornata nazionale della sicurezza (SQE Safety Quality Environment), con l'annuncio di messa a disposizione di tutti gli imprenditori di 4 ore GRATUITE di formazione per ogni lavoratore, per permettere anche nella situazione di grisi, di corrispondere aglo obblighi previsti dal d.l. 81/2008 ed all'accordo Stao-Regioni.

Martedì, 27 Novembre 2012 16:57

CONFIDI

Venerdì, 23 Novembre 2012 12:30

TERMINI DI PAGAMENTO: MASSIMO 30 giorni

Transazioni commerciali, dall'1 gennaio 2013 pagamenti in 30 giorni

Solo in casi eccezionali il termine può arrivare a 60 giorni, sempre che l'accordo sia espresso in forma scritta e non risulti «gravemente iniquo» per il creditore. Prevista inoltre una maggiorazione dell'1% degli interessi legali moratori.
--------------------------------------

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 267 del 15 novembre 2012 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 9 novembre 2012 n. 19 con il quale viene recepita in Italia la Direttiva 2011/7/UE del 16 febbraio 2011 sulla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, in attuazione della delega prevista dallo Statuto delle imprese.

Dal 1° gennaio 2013, il termine di 30 giorni indicato nei contratti tra le imprese, che è stato anticipato rispetto a quello fissato dalla Direttiva per il 16 marzo, potrà essere derogato fino a un massimo di 60 giorni, sempre che l'accordo sia in forma espressa ovvero per iscritto e non risulti «gravemente iniquo» per il creditore. Per quanto riguarda i contratti in cui il debitore è una Pubblica Amministrazione sarà possibile fissare un termine legale di pagamento fino a un massimo di sessanta giorni in due casi: per le imprese pubbliche che svolgono attività economiche di natura industriale o commerciale, offrendo merci o servizi sul mercato; per gli enti pubblici che forniscono assistenza sanitaria. A eccezione di tali casi, viene lasciata facoltà alle parti di concordare, anche in questo caso in forma scritta, un termine superiore a 30 giorni ma comunque non superiore a 60 giorni, se questo termine risulta oggettivamente giustificato dalla natura o dall'oggetto del contratto o da particolari circostanze esistenti al momento della conclusione dell'accordo.

Il decreto, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15 novembre 2012, prevede inoltre una maggiorazione del tasso degli interessi legali moratori, che passa dal 7% all'8% in più rispetto al tasso fissato dalla Bce per le operazioni di rifinanziamento.

Anche tra imprese private l'addebito degli interessi di mora è automatico e computato al tasso Bce maggiorato di 8 punti percentuali; tuttavia le parti possono concordare l'applicazione di un tasso diverso.

Giovedì, 11 Ottobre 2012 06:54

FONEBA: fondo interprofessionale nazionale

Roma, 10 ottobre 2012
FONEBA è stato costituito!
Il fondo interprofessionale nazionale a sostegno della formazione delle Piccole Medie Imprese e dell'Artigianato, frutto dell'ACCORDO INTERCONFEDERALE tra CONFIMPRESA, UAI e ISA.
La firma in sede notarile dell'atto costitutivo è stata apposta da Diego Giovinazzo per Confimpresa, da Giuseppe Zannetti per UAI, da Carmelo Cassia per Isa Sindacato e da Vivietta Bellagamba per Isa-Firas-spp .
Contestualmente è stato approvato il regolamento operativo e, un gruppo di lavoro Guidato da Antony Vitale, presidente di Ebafos, predisporrà a breve le procedure operative del Fondo.
Il segretario generale di Confimpresa Diego Giovinazzo, ha dichiarato: ora Confimpresa dispone di un nuovo strumento per sostenere lo sviluppo delle imprese associate e lo metterà a disposizione di consulenti, associazioni, enti di formazione e professionisti che si occupano di imprenditoria, per puntare ad ottenere il massimo risultato nell'affiancare gli imprenditori nella formazione di maestranze adeguate per superare le difficoltà che oggi presenta il mercato.

Lunedì, 01 Ottobre 2012 13:47

Lucca

Sede Provinciale di LUCCA:

  Responsabile: Simonetta GHILARDI

Lunedì, 01 Ottobre 2012 13:36

Mantova

Sede Provinciale (da organizzare):

Presidente f.f. : Dr. Diego Giovinazzo

Tel.3889374335
Internet www.confimpresa.org 
E mail
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cerchiamo collaboratori in REGIONE. Se siete interessati a: - FORMAZIONE - SICUREZZA SUL LAVORO - HACCP - CAF E PATRONATO - LEGISLAZIONE SUL LAVORO - ASSISTENZA ALLE IMPRESA - ... Scrivete a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lunedì, 01 Ottobre 2012 13:36

Como

Sede Provinciale (da organizzare):

Presidente f.f. : Dr. Diego Giovinazzo

Tel.3889374335
Internet www.confimpresa.org 
E mail
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cerchiamo collaboratori in REGIONE. Se siete interessati a: - FORMAZIONE - SICUREZZA SUL LAVORO - HACCP - CAF E PATRONATO - LEGISLAZIONE SUL LAVORO - ASSISTENZA ALLE IMPRESA - ... Scrivete a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lunedì, 01 Ottobre 2012 13:35

Brescia

Sede Provinciale (da organizzare):

Presidente f.f. : Dr. Diego Giovinazzo

Tel.3889374335
Internet www.confimpresa.org 
E mail
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cerchiamo collaboratori in REGIONE. Se siete interessati a: - FORMAZIONE - SICUREZZA SUL LAVORO - HACCP - CAF E PATRONATO - LEGISLAZIONE SUL LAVORO - ASSISTENZA ALLE IMPRESA - ... Scrivete a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lunedì, 01 Ottobre 2012 13:28

Ferrara

Sede Provinciale:

Responsabile: Andrea Cavalieri Foschini

Pagina 4 di 6